Benvenuti! In un blog indipendente dedicato alla pratica ed al tuning delle mountain bikes e delle bici in generale. Powered by Oiro.

domenica 15 gennaio 2017

Passare da 10 a 9 velocità ... e come smontare un cambio Shimano [officina PZZ]


Le trasmissioni Shimano a 9 velocità sono apparse per la prima volta nel 1999.
Poi ci sono voluti ben 11 anni (nel 2010) prima che arrivassero le 10 velocità (con l'XT a 10v).
Oggi 2017 nel giro di pochi anni ci siamo già bruciati le 10 e le 11 velocità e già si pensa alle 12 velocità ...!?!

Al di là di quel che propone/impone il mercato, dovendo recuperare un cambio per una bici con un gruppo a 9 velocità, ho fatto un esperimento, peraltro perfettamente riuscito: passando da 10 velocità a 9 velocità...


Ho preso un cambio Shimano XT RD-M773 Shadow (per 10 velocità) ed alcuni pezzi di un cambio XT RD-M772 Shadow (per 9 velocità).



La differenza tra i due cambi risiede nel fatto che i nuovi cambi Shimano a 10 velocità (di tipo Dyna-Sis) non sono più compatibili con comandi a 9 velocità.

Per poter procedere a quest'operazione, una volta recuperati i pezzi, in realtà occorre poco tempo.
Bisogna in sostanza sostituire la parte del parallelogramma che va a fissarsi al telaio (e dove si ferma la guaina del cambio posteriore - parte A) e la parte interna del del parallelogramma (a cui si fissa la vite del cavo del cambio posteriore - parte B).
Poi al posto di queste due parti (A e B) si devono prendere le due parti identiche del cambio a 9v RD M-772.
Smontato e rimontato, ho di fatto creato un cambio Shimano XT RD-M773 Shadow a 9 velocità.



Procedimento:

1) Per prima cosa bisogna smontare la gabbia interna del compasso e le 2 pulegge.

2) Con un punzone ed un martello incidete i 3 punti (1-2-3) che andremo a forare (per poi estrarre i perni);


3) Con una punta da trapano da 2 mm foriamo i tre punti (1-2-3), facendo attenzione che sarà sufficiente trapanare pochi millimetri perché subito si arriva al durissimo acciaio dei perni e lì ovviamente ci si ferma subito;

4) Con l'aiuto di un chiodo in acciaio (mi raccomando acciaio, perché i chiodi classici in ferro si deformano facilmente!!!) andremo a spingere fuori i 3 perni (1-2-3).
Diversamente per il perno 4 non servirà nessun foro: sarà solo un pò più ostico da togliere, ma basterà qualche colpetto in più!
5) A questo punto il gioco è fatto!
Basterà sostituire le parti che ci interessano e ricomporre il tutto.
Nello smontaggio e nel rimontaggio abbiate cura di recuperare tutti gli o-ring che ci sono (2 per ogni perno) e rimetterli nelle loro sedi in fase di rimontaggio, ingrassando per ben tutto.

Ecco i due cambi a confronto.



Dopo più di un anno di funzionamento posso dire che l'esperimento è riuscito al 100%.

Nessun commento:

Posta un commento